Going Sustainable II edition: il ponte tra business e sostenibilità

5 Dicembre 2019


Il 2020 si prospetta un anno pieno di idee innovative e sostenibili: la Fondazione sarà partner del progetto Going Sustainable, il programma patrocinato dall’AICS – Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo che contribuisce al raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030.

Nato dalla collaborazione fra il Consorzio ELIS, la ONG ELIS, il programma di Open Innovation OPEN ITALY – in partnership con Impact Hub Milano e Contaminaction Hub –, Going Sustainable supporta le imprese che intendono sviluppare attività imprenditoriali innovative e sostenibili.

Dall’identificazione dell’idea alla sua stesura finale, il programma si strutturerà in 6 moduli formativi che si terranno dal 31 gennaio al 9 marzo, e accompagnerà i beneficiari lungo tutte le fasi di realizzazione di un Business Plan contenente un progetto imprenditoriale innovativo e sostenibile, redatto secondo le linee guida del bando profit dell’AICS. Esperti del settore profit e no profit forniranno assistenza tecnica personalizzata alle PMI, Startup e aziende che intendono generare un forte impatto sociale e ambientale nei Paesi emergenti, attraverso la costruzione, inoltre, di partnership strategiche, sia in Italia che in loco, per la co-progettazione e l’execution dell’idea identificata. Brasile, Cina e Tunisia hanno già accolto le cinque imprese vincitrici della precedente edizione.

Grazie alla formazione fornita dal programma, imprenditori e manager d’azienda avranno l’opportunità di presentare i progetti e, in caso di valutazione positiva, ottenere i finanziamenti del terzo bando profit dell’AICS, finalizzato alla selezione delle migliori iniziative imprenditoriali innovative da realizzare nei Paesi partner della cooperazione allo sviluppo.

È il caso di Pedius, una Startup innovativa che ha partecipato alla prima edizione di Going Sustainable. Il loro sogno, ci racconta Samantha Leone del team Pedius, era quello di permettere ai sordi di poter chiamare con il proprio telefono. Così, dopo il periodo di formazione fornito dal programma, Pedius ha presentato il progetto e ha vinto il bando profit dell’AICS. La loro idea innovativa, un’applicazione che permette ai non udenti di telefonare attraverso un sistema di sintesi e riconoscimento vocale, è approdata anche sul mercato cinese, facilitando la vita quotidiana a migliaia di persone.

“Tantissime persone ci contattano da ogni parte del mondo per dirci che la loro vita è diventata più semplice: Pedius permette di superare le barriere quotidiane con cui un non udente si scontra ogni giorno. Grazie ad ELIS abbiamo imparato a gestire il bando AICS e ottenuto i finanziamenti per internazionalizzare la nostra iniziativa, generando, allo stesso tempo, impatto sociale in Cina. Il supporto fornito è stato costante, dalle fasi iniziali di ideazione alla realizzazione finale del progetto”. (Samantha Leone, Team Pedius)


Tags:

sostenibilità startup territorio


I commenti sono chiusi.